NEWS > News

BREXIT - 24/06/2016

I cittadini del Regno Unito, con referendum dello scorso 23 giugno, hanno deciso di porre fine alla loro adesione all'UE.
Ovviamente tale decisione avrà impatto anche nel mondo della proprietà intellettuale dove il Regno Unito riveste un ruolo centrale in UE.
Niente panico! I risvolti non saranno immediati. La Gran Bretagna ha due anni di tempo per negoziare l’uscita dall’UE
Ciò significa che i marchi ed i Design dell'Unione europea avranno ancora efficacia nel Regno Unito almeno fino a giugno 2018, forse più a lungo.
E dopo cosa succede? I diritti dell’Unione Europea, come i design ed i  marchi, termineranno la loro efficacia nel Regno Unito. Appare inevitabile che dovrà essere creato un meccanismo per convertire la tutela di tali diritti in diritti britannici. Tuttavia, non essendoci precedenti in materia, non è ancora possibile sapere come questo meccanismo sarà strutturato e se ci saranno tasse da corrispondere al Regno Unito.
Per quanto riguarda i brevetti, invece, la partecipazione del Regno Unito nel sistema del brevetto europeo è indipendente rispetto alla sua adesione all'UE. Infatti, dal momento che la Convenzione sul Brevetto europeo è un trattato sovra-nazionale slegato dall’Unione Europea, i richiedenti possono ancora optare per la protezione nel Regno Unito. Tuttavia, il Regno Unito non sarà più in grado di partecipare al Brevetto Unitario aperto ai soli Stati Membri dell’Unione e perderà anche la sede del Tribunale Unificato competente per le cause brevettuali relative alla farmaceutica ed alle bio-tecnologie che potrebbe forse passare proprio all’Italia, con la sede di Milano.
Servirà comunque del tempo per verificare la portata di questo evento che, in ogni caso, è destinato a cambiare  la geografia europea della proprietà intellettuale.
 

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance