NEWS > News

Siete pronti per il capodanno cinese? Il deposito di marchi traslitterati in Cina. - 27/01/2017

Oggi si festeggia il Capodanno cinese.
 
In Cina, si adottano caratteri di scrittura diversi dai latini. Un imprenditore che intenda affacciarsi sul mercato cinese deve adottare i dovuti accorgimenti, tra cui depositare tempestivamente anche la versione traslitterata del proprio marchio. Il deposito di un marchio traslitterato in Cina è una scelta strategica, sia per la promozione ed il successo del proprio marchio, depositandolo nel modo in cui viene chiamato e conosciuto dai consumatori cinesi, sia per proteggerlo da possibili abusi di terzi che potrebbero depositare il marchio traslitterato a loro nome.
 
Esistono diversi modi per effettuare la traduzione di un marchio occidentale in cinese:
 
1.    per assonanza con il nome originario, cd. traslitterazione, selezionando i caratteri cinesi la cui pronuncia corrisponde a quella del marchio estero;
2.    per significato semantico della parola originale, senza tener conto della somiglianza fonetica;
3.    per adattamento i marchi in caratteri latini sono tradotti in caratteri cinesi o frasi che hanno un significato in base alle loro caratteristiche o all’immagine e ai valori che vuole trasmettere l’azienda;
4.   mediante un bilanciamento tra significato semantico, assonanza fonetica ed adattamento con cui, attraverso una traduzione meticolosa, si cerca di creare un marchio che non sia una semplice traduzione, bensì un marchio facilmente riconoscibile da parte dei consumatori locali, che abbia un suono chiaro ed un significato positivo.
 
Si tenga presente che i marchi tradotti in caratteri cinesi devono in primo luogo essere conformi ai requisiti della legge cinese sui marchi, ad esempio essere nuovi, per questo è sempre consigliabile svolgere delle ricerche di anteriorità volte a verificare la disponibilità del segno prescelto, per stabilire se esistono marchi anteriori confondibili e quindi potenzialmente ostativi alla registrazione. Inoltre un marchio non deve violare la disposizione relativa al carattere distintivo; ossia non deve indicare le funzioni e le caratteristiche dei beni o servizi rivendicati, né essere contrario al buon costume e all’ordine pubblico.
In secondo luogo devono avere una pronuncia chiara e facile da ricordare e, dal punto di vista strategico del marketing, i marchi devono essere accattivanti e trasmettere un significato piacevole ed attraente per i consumatori, tenendo a mente le caratteristiche e l'orientamento del mercato, in quanto tale Paese conferisce molta importanza a differenti aspetti che, spesso, in occidente vengono sottovalutati.
 
A titolo esemplificativo, in Cina ad ogni colore corrisponde un significato, ad esempio il giallo è il colore destinato all’imperatore, quindi significa ricchezza, successo, potere e sacralità; il rosso è il colore del fuoco e significa energia, passione, potenza, amore, buona fortuna, e così via. Analogamente alcuni animali e fiori hanno un significato ben preciso: la Carpa, ad esempio, rappresenta il successo negli affari. Anche i numeri hanno una grande importanza per i cinesi, notoriamente superstiziosi; il 4 ad esempio è un segno di cattivo presagio (in quanto foneticamente simile alla parola morte) e, ad esempio, non viene utilizzato per numerare i piani degli edifici o le stanze d’albergo.
 
Infine, per poter agire tempestivamente contro eventuali abusi di terzi, è utile monitorare costantemente i registri ed il mercato, attraverso servizi di sorveglianza, tenendo a mente che per far sì che il marchio sia tutelato in modo efficace così da poter validamente azionato, dovrebbe rivendicare tutti i prodotti e servizi di interesse senza omissioni, ed essere utilizzato in modo esteso e continuativo in modo conforme all’esemplare depositato, facendo attenzione a conservare le prove dell’uso.
 
Buon anno del Gallo a tutti!

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance