Brevetti > Certificati di protezione CCP

In alcuni settori tecnologici specifici in cui lo sfruttamento commerciale di un prodotto è condizionato da un separato provvedimento di autorizzazione all'immissione in commercio, le leggi brevetti nazionali ed i regolamenti della Comunità Europea hanno fornito un mezzo per recuperare, almeno in parte, il tempo perduto nell'attesa della conclusione del processo di autorizzazione alla commercializzazione: il certificato complementare di protezione è un titolo che estende la durata di brevetti appartenenti a campi specifici oltre il loro originario temine ventennale. Finora, i campi interessati nella Comunità Europea sono due: il campo farmaceutico e quello dei prodotti fitosanitari.

Una normativa nazionale che disponeva per l'estensione della durata dei brevetti concernenti prodotti medicinali è stata in vigore in Italia a partire dal novembre 1991, ed ha ceduto il posto, con effetto dal 2 gennaio 1993, al Regolamento Comunitario No. 1768/92, direttamente applicabile in tutto il territorio della Comunità Europea. I CCP concessi secondo la precedente legge italiana, più favorevoli al titolare del brevetto, hanno mantenuto la loro validità e durata originaria fino al 16 giugno 2002, quando è stato convertito in legge il decreto legge n. 63/02. Questo, nell'ambito di più ampi provvedimenti finanziari, ha disposto per una (moderata) riduzione della durata dei CCP rilasciati secondo la normativa italiana e non ancora scaduti al 31 dicembre 2003.

Ovviamente, qualunque domanda di CCP per prodotti medicinali depositata dopo il 2 gennaio 1993 viene trattata, di fronte all'Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, in accordo con il Regolamento Comunitario.

Il secondo Regolamento Europeo, il No. 1610/96, riguardante i prodotti fitosanitari, è entrato in vigore l'8 febbraio 1997.

In entrambi i casi una domanda di CCP può essere depositata in relazione ad un brevetto di base che copre il prodotto in questione (o un processo per la sua produzione, o un uso dello stesso, ecc.) entro sei mesi dalla concessione della prima autorizzazione all'immissione in commercio nella comunità europea.

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance