Modelli e Disegni > Cessioni e Licenze

FORMALITÀ PER LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI CESSIONE E LICENZA IN ITALIA
Occorre l’originale o copia dell’atto da trascrivere ovvero, osservate comunque le norme sul registro, la copia di una dichiarazione di cessione o di avvenuta cessione firmata dal cedente e dal cessionario con l’elencazione dettagliata dei diritti oggetto della cessione; l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi può richiedere che la copia dell’atto sia dichiarata conforme all’originale da un pubblico ufficiale o da altra autorità competente.

In caso di atto Estero lo stesso deve essere tradotto in italiano e contenere le firme autenticate da un Notaio e la legalizzazione tramite Apostilla ai sensi della Convenzione dell’Aia del 15 ottobre 1961.

E’ sufficiente una sola richiesta quando la trascrizione riguarda più diritti di proprietà industriale sia allo stato di domanda che concessi alla stessa persona, a condizione che il beneficiario del cambiamento di titolarità o dei diritti di godimento o garanzia o dell’atto da trascrivere sia lo stesso per tutti i titoli e che i numeri di tutte le domande e di tutti i titoli in questione siano indicati nella richiesta medesima.

La trascrizione nel sistema italiano non ha valore costitutivo ma meramente dichiarativo; rende infatti l’atto opponibile ai terzi al fine di dirimere i conflitti tra più pretendenti dello stesso diritto.
la trascrizione non è quindi "obbligatoria", a meno che non sia dovuto un rinnovo o un’altra azione, che comporti la spendita del nome del nuovo titolare, e può essere eseguita in ogni momento.

I nostri atti standard contengono anche la formula per conferire mandato per la trascrizione, evitando la necessità di una procura separata e i costi per il suo deposito e per i relativi bolli.

Si ricorda di inserire la somma del corrispettivo della cessione: essa dovrebbe essere plausibile e il nostro consiglio è che tale somma corrisponda almeno ai costi sopportati dal cedente per il deposito delle privative indicate nell'accordo


FORMALITA’ PER LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI FUSIONE.
E’ sufficiente la certificazione rilasciata dal Registro delle imprese o da altra autorità competente.

FORMALITA’ PER LA TRASCRIZIONE DI ATTI DI CESSIONE IN SAN MARINO
Duplice copia autentica dell’atto che si intende trascrivere.

In caso di atto Estero lo stesso deve essere tradotto in italiano e contenere le firme autenticate da un Notaio e la legalizzazione tramite Apostilla ai sensi della Convenzione dell’Aia del 15 ottobre 1961.

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance