Anticontraffazione > Accreditamento presso la banca dati SIAC – Anti Counterfeiting Information System - della Guardia di Finanza

SIAC è una banca dati multimediale contenente le caratteristiche principali dei prodotti e dei marchi che si vogliono tutelare.

Tali caratteristi che sono fornite dal titolare dei diritti e potranno essere le medesime utilizzate per le istanze doganali.

Più specificamente, il Sistema Informativo Anti-Contraffazione (S.I.A.C.) è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea ed affidata dal Ministero dell’Interno alla Guardia di Finanza.

Il sistema consente ai titolari delle privative industriali e intellettuali di collaborare attivamente all’azione di prevenzione e contrasto mediante l’invio di elementi informativi sui propri prodotti colpiti da condotte di contraffazione di pronta consultazione per gli organi di controllo operanti sul campo.

E’ prevista, altresì, una piattaforma informatica riservata alla Guardia di Finanza e alle altre Forze di Polizia (comprese le Polizie Municipali), nella quale vengono elaborate le risultanze raccolte, in modo tale da garantire una più efficace e tempestiva analisi delle informazioni di rilevanza investigativa.

E’ in fase di realizzazione, infine, un apposito applicativo che consentirà una più mirata azione di contrasto sulla rete internet, che ormai costituisce a tutti gli effetti la nuova frontiera della contraffazione.

Le informazioni ivi inserite consentiranno alle forze di Polizia di comparare le caratteristiche dei prodotti/marchi sospettati di contraffazione con quelle degli originali.

Tutte le informazioni di carattere tecnico relative al prodotto/marchio sono registrate in una scheda che la banca dati provvede a elaborare per ogni azienda. La banca dati è a disposizione dei funzionari della GDF, innanzitutto ai fini di essere informati ed allertati su prodotti e diritti di privativa industriale contenuti nel database, ma anche ai fini di consentire un confronto in tempo reale tra prodotti sospetti di contraffazione che possano aver scoperto e le caratteristiche dei prodotti genuini rinvenute nel database medesimo.

In effetti, come noto, le Forze dell’Ordine Italiane, e la Guardia di Finanza in particolare, svolge una intensa attività di lotta alla contraffazione, nell’ambito della quale è loro consentito, in ogni situazione e in ogni luogo, di effettuare sequestri di prodotti presumibilmente contraffatti, che sono ordinati o convalidati dalla Procura della Repubblica. In entrambi i casi le Forze dell’Ordine hanno bisogno di una dichiarazione del proprietario del diritto violato sull'origine contraffatta dei beni sequestrati. Ottenuta tale dichiarazione, le merci sono mantenute sotto sequestro e un procedimento penale è avviato.

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance