News > DDL di Stabilità 2015 - Ricerca e sviluppo: riproposto il credito d’imposta

L’art. 7, co. 1 – 15, del DDL di Stabilità 2015 ripropone il credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo, riscrivendo l’art. 3 del D.L. 145/2013 (Destinazione Italia) che a sua volta prevedeva un credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo mai divenuto operativo per la mancata emanazione dei decreti attuativi.  Della precedente disposizione vengono modificate, in particolare, la misura, la decorrenza, la platea dei beneficiari, nonché si prevede una maggiorazione premiale del credito d’imposta per le spese relative alla ricerca svolta extra muros e per quelle relative al personale altamente qualificato impiegato nelle attività di ricerca e sviluppo.

Rispetto alla precedente formulazione dell’art. 3 del D.L. 145/2013 che prevedeva il riconoscimento del credito d’imposta a tutte le imprese con un fatturato annuo inferiore a 500 milioni di euro (disposizione introdotta in sede di conversione), nella nuova formulazione della norma non sono previsti limiti soggettivi per l’ottenimento dell’agevolazione. A nulla rileva né la forma giuridica del beneficiario né il settore economico in cui opera né il regime contabile adottato.
Per quanto riguarda i periodi agevolabili, il co. 1 dell’art. 7 del DDL di Stabilità 2015 dispone che il credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo si applichi “a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e fino a quello in corso al 31 dicembre 2019, […]”.

I co. da 4 a 7 dell’art. 7 del DDL di Stabilità 2015 definiscono l’ambito oggettivo della disposizione. Vengono elencate le attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta e quelle che invece non possono essere considerate tali.
Per quanto riguarda il calcolo del credito d’imposta, questo è dato dal 25 per cento delle spese agevolabili sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015.

Condividi questa pagina

Copyright © Barzanò & Zanardo 2013 | Credits | P.Iva 01347741009 | P.Iva 01347751008 | Privacy | Legal Notice | E-mail Disclaimer | Insurance